Menu
Scuola online
Scuole dell'Opera Vita da scuola 29/02/2020

TEMPO COME OCCASIONE – Lettera del Rettore

I BAMBINI NEI CORTILI

Un caro amico nei primi giorni di “misure speciali per il coronavirus” mi ha scritto raccontandomi il suo stupore: “Ci sono tantissimi bambini per le strade, nei cortili, nei campetti di calcio improvvisati con due zaini per parte a delimitare la porta. È come se la natura che da un lato ci spaventa con qualcosa di invisibile, dall’altra ci richiami a riscoprire cioè che non vedevamo più. Oggi i bambini sono liberi da lezioni, sport, catechismo, e tutto ciò che noi pensiamo sia il bene-per-loro e forse, dico forse, a volte, è solo il bene-per-noi. E poi ci sono le chiese. Chissà che adesso che ci è impedito di entrarci non si scopra il desiderio di tornarci”.
Quando ho letto il suo messaggio mi sono detto: “Ecco, vedi, ogni tempo è un’occasione provvidenziale”.
Non intendo sminuire la situazione. Anche io sono preoccupato e penso a coloro che stanno affrontando questa emergenza: il personale sanitario in primis, i nostri politici che hanno una grande responsabilità sulle spalle, le forze dell’ordine, le aziende, i lavoratori, i giornalisti impegnati a cercare di dare notizie corrette: per tutti loro questo sarà un tempo di prova e per questo gli dovremo essere grati.
Eppure continuo a pensare che anche questa sia un’occasione provvidenziale che stimola a riflettere su “cosa fare” oltre a seguire le indicazioni sanitarie provenienti dalle diverse Istituzioni.
Ascoltare e accogliere la propria fragilità
La mia prima proposta? Guardare e ascoltare di più. Complice il fatto che ci sarà meno rumore e minori spostamenti, saremo chiamati a stare anche un po’ più tempo da solie avremo l’occasione di ascoltarci.Ascoltare noi stessi in maniera autentica e coraggiosa, accogliere la nostra fragilità (che questa situazione sta facendo senz’altro emergere) e provare a capire come saremo noi, alla fine di tutto questo.La cosa decisiva e, per certi versi preziosa, è che non saremo uguali a prima. Saremo uomini e donne migliori o peggiori. Se è vero che non possiamo scegliere di ammalarci oppure no, dobbiamo invece scegliere come affrontare questa esperienza.
Empatia
Abbiamo una seconda grande opportunità: capire cosa provano altri. Perché stavolta capita a noi. Che comunque abbiamo la fortuna di essere in una zona del mondo ben attrezzata, organizzata, e dotata di strumenti e risorse.
Alla “globalizzazione dell’indifferenza” possiamo provare a sostituire un’empatia solidale. Quando sentiamo di attentati in Medio Oriente, di epidemie in Africa, di alluvioni in Asia, di restrizione di libertà in America del sud, forse sapremo fermarci un po’ di più a meditare, sentire compassione e magari pregare. Pur continuando a non sapere molte cose, sapremo un po’ di più cosa provano questi nostri fratelli quando non si sentono più al sicuro per sé e per i propri figli. O almeno possiamo provarci.
Fratelli che stanno anche oltre il nostro pianerottolo o seduti nel banco di scuola vicino al nostro. Continueremo a non sapere molte cose di loro. Ma almeno in parte, ora, sapremo cosa provano quando li abbiamo esclusi o presi in giro, indeboliti nelle loro convinzioni e nei loro tentativi di ricordarci cosa sarebbe stato bene fare.
La fatica e la necessità della rigorosità
Di fatto abbiamo davanti anche un’altra opportunità. Quella di capire meglio che cosa sia la scienza e la scientificità, riscoprendo il valore del sacrificio, dell’impegno e della rigorosità proprie di queste discipline. La verità scientifica è frutto di un lavoro duro, quotidiano e meticoloso.
Questo tempo ci può condurre a ripensare seriamente allo studio, maturando una migliore coscienza di quanto la verità sia una conquista e un dono. La verità scientifica richiede come minimo di avere “i fondamentali”: non basta che ora ci “informiamo” su tutto ciò che sono i virus. Servono altre conoscenze attorno. Serve la chimica, la matematica, la fisica. Ma serve anche la storia (non a caso ora ci ricordiamo della Influenza Spagnola?), la letteratura (pensate a come è nato il Decamerone), e senza scomodare troppo il Buon Dio, anche un po’ di teologia.Perciò mi sento di dire che un bel modo per affrontare questa crisi è continuare il più possibile a fare bene e meglio ciò che è nostro dovere. I nostri compiti (in tutti i sensi).
TeleScuola – per continuare a tessere relazioni
Infine, se davvero abbiamo l’occasione di sentirci più umani e più vicini nonostante (e forse proprio attraverso) le distanze, allora mi sento di chiamare in causa la scuola e invitarla a usare questo tempo per tessere meglio le nostre relazioni. Abbiamo mezzi che con la creatività possono generare occasioni speciali di crescita, di approfondimento e, perché no, di recupero dei contenuti, della didattica. Ognuno liberamente dal suo pc, dal suo smartphone può inventarsi il modo di rinsaldare i legami, di appassionare ulteriormente. Si discute già se, una volta tornati a scuola, recupereremo le ore perse. Si parla di percentuali, di decreti…Siamo davvero incredibili, resistenti alle nostre abitudini ripetitive! Il mio invito invece è a discutere su come non perdere i contatti tra di noi, di come proprio la scuola possa far diventare occasione questo momento. Mi immagino il professore di filosofia che ci aiuta a capire il concetto di “Cigno Nero”, oppure quello di storia che ci aiuta a capire il rapporto tra i cambiamenti climatici e l’aumento di situazioni di destabilizzazione politica, oppure semplicemente l’insegnante di scienze che ci aiuta a capire cosa è un virus. Magari l’insegnante di inglese ci aiuta a ripassare i paradigmi e basta che va bene anche quello. Magari quello di religione ci aiuta a ricordare perché è nata la Quaresima e perché gli uomini e le donne del passato si prendevano volontariamente dei periodi di “quarantena spirituale”.
Sono curioso di vedere cosa possono fare i nostri studenti e i nostri insegnanti. E anche se non faranno niente va bene lo stesso. Ci sono cose importanti che avvengono lo stesso: “Gesù diceva: «Il regno di Dio è come un uomo che getta il seme nella terra; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce; come, egli stesso non lo sa” (Mc, 4,26).
Permettetemi infine di dire che questo tempo può essere davvero prezioso per riscoprire il nostro rapporto con Dio. Niente prediche. Vi consiglio di fare una cosa che potrà sembrarvi strana: andate su Netflix. E guardatevi il film “I due Papi”. Più semplice e moderno di così…

Don Luciano Manenti
Rettore Scuole Opera Sant’Alessandro

Leggi di più
Scuola Cattolica Scuole dell'Opera Vita da scuola 06/02/2020

RICORDANDO MONSIGNOR SANA

 

10 FEBBRAIO ORE 16.00 – CHIESA DEL COLLEGIO – CERIMONIA IN MEMORIA DI MONS. SANA E DON TEDOLDI
Una messa in ricordo di Monsignor Achille Sana a due anni dalla morte. L’appuntamento è per lunedì 10 febbraio alle ore 16.00 presso la Chiesa del Collegio Sant’Alessandro, a Bergamo.
Nato a Barzana nel 1939 e ordinato sacerdote il 13 maggio del 1964, il 9 febbraio don Sana avrebbe compiuto 81 anni. Un’intera vita spesa a servizio della loro formazione umana e spirituale dei giovani.
Per le scuole dell’Opera Sant’Alessandro questa sarà anche l’occasione per ricordare don Mario Tedoldi, preside e docente presso i Licei Sant’Alessandro. Nato il 1 luglio del 1923 e ordinato sacerdote il 3 luglio del 1949, don Tedoldi è mancato il 1 settembre del 2019.
Le scuole dell’Opera estendono l’invito a partecipare alla celebrazione a tutti coloro che hanno conosciuto, apprezzato e amato questi due sacerdoti, la cui passione e dedizione all’insegnamento hanno lasciato una traccia indelebile nel ricordo di molti.

Leggi di più
Scuola Cattolica Scuole dell'Opera Vita da scuola 28/01/2020

RICORDANDO MONS. SANA

Nei giorni dell’anniversario della morte di Mons. Achille Sana avvenuta il 26 gennaio 2018, invito studenti e insegnanti delle scuole dell’Opera Sant’Alessandro a ricordarlo nelle nostre preghiere, ancora infinitamente grati per la sua testimonianza e dedizione che ancora vive nelle nostre comunità scolastiche.
A breve comunicheremo anche la data e l’orario della celebrazione Eucaristica a suffragio del nostro caro don Sana. Nella stessa celebrazione ricorderemo anche don Mario Tedoldi, insegnante di lingue straniere per molti anni presso il Collegio e che è venuto a mancare pochi mesi fa nella Parrocchia di Carpenedolo (Brescia) dove risiedeva da tempo.

Don Luciano Manenti

Leggi di più
Scuole dell'Opera Vita da scuola 19/01/2020

PROGETTO VOLONTARIATO

Venerdì 17 gennaio è iniziato il progetto volontariato presso la Cooperativa Chopin di Villa d’Adda che coinvolge le classi quinte della Primaria. I nostri alunni collaboreranno con i ragazzi della Chopin e i volontari nella realizzazione di lavori creativi. Ringraziamo la Cooperativa “Chopin Diversamente Impresa”per questa preziosa collaborazione; un grazie anche al nostro Comitato Genitori che contribuisce alla realizzazione del progetto.

Leggi di più
Scuola Cattolica Scuole dell'Opera Vita da scuola 26/11/2019

PROGETTO VOLONTARIATO

In occasione dell’Avvento la nostra scuola promuove una Colletta Alimentare. Nella sezione avvisi potete trovare tutte le indicazioni necessarie.
“Condividere i bisogni per condividere il senso della vita” (Papa Francesco).

Leggi di più
Scuola Cattolica Scuole dell'Opera Senza categoria Vita da scuola 19/11/2019

TEMA DELL’ANNO

Ecco il tema dell’anno proposto dalla nostra commissione religiosa: CHIAMIAMOCI PER NOME ED INSIEME.

 

Leggi di più
English for life Scuole dell'Opera Vita da scuola 14/11/2019

ENGLISH BOX

Bellissime le postcards, scritte in inglese e realizzate dai bambini in occasione della english week. Alcuni postini d’eccezione le consegneranno ai destinatari, nei prossimi giorni.

Leggi di più
English for life Scuole dell'Opera Vita da scuola 13/11/2019

ENGLISH THEATRE

Ieri i bambini della scuola primaria e i ragazzi della prima media hanno assistito a tre spettacoli, in lingua inglese, proposti dalla compagnia teatrale “Lingue Senza Frontiere”. Gli alunni si sono lasciati coinvolgere dalla rappresentazione e da diversi workshop proposti dagli attori. Le risate non sono mancate: è bello imparare l’inglese divertendosi!

Leggi di più
Gite scolastiche Scuole dell'Opera Vita da scuola 08/11/2019

UN GIORNO IN COMUNE

Cos’è un comune? Chi lo amministra? Chi ci lavora? A queste e molte altre domande i ragazzi di 2A e 2B della scuola secondaria hanno saputo dare risposta, grazie all’accoglienza del Sindaco di Carvico Sergio Locatelli e dell’Assessore Piermario Perico, che hanno dato loro la possibilità di fare un “tour” guidato nei vari uffici comunali.

Leggi di più
English for life Scuole dell'Opera Vita da scuola 06/11/2019

ENGLISH WEEK: WORK IN PROGRESS

Ci stiamo preparando alla seconda edizione della English Week! Ecco una piccola anteprima degli spettacoli teatrali ai quali assisteranno i nostri alunni. Non vogliamo svelare troppo. Sarà una… BIG SURPRISE

Leggi di più
1 2

Fondazione Opera Sant'Alessandro

Otto istituti scolastici e 170 anni di storia offrono un percorso educativo da 0 a 19 anni con una didattica all’avanguardia e di respiro internazionale